domenica 10 aprile 2016

Francesco Saverio Altamura e Dante


Alla mostra Piero della Francesca: indagine su un mito è esposto un quadro di Francesco Saverio Altamura (1822-1897 - scheda del Dizionario Biografico degli Italiani), intitolato Ecco colui che andò all'inferno e tornò (1860-1865) e appartenente alla Collezione Venceslao di Persio di Pescara.

Fonte

Si tratta di un'opera insolita e interessante: il poeta appare isolato dal contesto cittadino ed è guardato con sospetto da tutti, proprio per la sua esperienza eccezionale.

Tra i lotti della Casa d'Aste Cambi compare un quadro che illustra la bufera infernale descritta nel canto V dell'Inferno, da identificarsi con La Bolgia dei lussuriosi (1860 circa), citato da Costanza Lorenzetti nel suo saggio sul pittore (pubblicato su "Iapigia", Anno VIII [1937], fasc. 2, p. 201, pdf)

Fonte

Nell'articolo citato la Lorenzetti segnala anche un Dante nella foresta (p. 195) e Due figure del limbo di Dante (p. 204), ispirato al verso "che sanza speme vivemo in desio" (Inf., IV, 42).

Nessun commento: