domenica 8 febbraio 2015

Ceramiche lorenesi: Rinaldo e Armida


Se volessimo documentare la presenza di temi o personaggi letterari nelle arti figurative, accanto ai dipinti di famosi pittori o alle statue di celebri scultori, dovremmo citare la produzione di ceramiche, piatti, medaglie di altrettanto grandi maestri delle cosiddette arti minori: lavori meno noti al grande pubblico ma molto apprezzati dagli esperti del settore.

Nell'ambito della produzione di statuette di alta qualità, due nomi da ricordare sono quelli di Paul-Louis Cyfflé (ceramista lorenese originario di Bruges) e della manifattura Niderviller (creata nel 1754 dal barone Jean-Louis de Beyerlé e venduta nel 1770 al conte Adam Philippe de Custine, ghigliottinato nel 1793; diretta da François Antoine Anstett fino al 1778 e da François Lanfrey fino al 1793). La manifattura realizzò vari esemplari con la coppia di amanti Rinaldo e Armida.

Le vicende narrate nella Gerusalemme liberata erano molto note in Francia anche a seguito dell'Armide di Lully (1686), su libretto di Philippe Quinault, e -novanta anni dopo- di quella di Gluck (1777), basata sul medesimo testo.

Fonte

Fonte

Fonte: M. Maurice Noel, La petite statuaire lorraine en céramique: reflet de l'Europe des lumières, p. 282
(pdf)
Le Louvre des Antiquaires

Nessun commento: