sabato 20 dicembre 2014

Michele Rocca: Angelica e Medoro


Oltre al dipinto di Carletto Caliari, di cui abbiamo parlato qualche tempo fa, la Galleria Nazionale di Praga (Palazzo Sternberg) possiede un altro quadro sulla vicenda di Angelica e Medoro: una piccola tela di Michele Rocca, un pittore del XVIII secolo.


Come da tradizione, la coppia è ritratta nel momento in cui incide i nomi su un tronco, tuttavia, in modo abbastanza inconvenzionale, i due amanti sembrano appena usciti da un fiume o paiono quasi librarsi nell'aria. Tutto intorno svolazzano degli amorini. Uno di questi è intento a leggere i nomi dei due amanti, precedentemente incisi su una pietra.



È incredibile quante variazioni esistano di questa piccola tela, sparse nei musei di vari Paesi e sul mercato antiquario.

Nel database della Fondazione Zeri è segnalata una copia posseduta dal The Walters Arts Museum di Baltimore (Maryland).

Fonte

Una versione con un altro amorino, munito di arco e svolazzante a fianco di Angelica, è indicata al sito dello storico dell'arte Martin Hiscsboeck.

Fonte

Una versione ancora diversa, con due putti intenti a leggere e senza compagni che svolazzano intorno all'albero, si trova invece al Wallraf-Richartz Museum di Colonia:

Fonte

Si veda anche la segnalazione della Fondazione Zeri da cui risulta una copia al Museo Civico di Prato.

Una copia era presente in un'asta di Sotheby's nel 2007:

Fonte
Infine un'altra copia è stata venduta a un'asta di Christie's nel 2014:

Fonte

Nessun commento: