martedì 11 giugno 2013

Copiare a scuola è sbagliato. Un veloce confronto tra due mondi


Sul blog del Gruppo di Firenze, da sempre impegnato nella lotta contro l'illegalità a scuola, abbiamo trovato il link a un interessante articolo di Simona Ravizza: Copiare a scuola è sbagliato. Come spiegarlo ai figli? ["Corriere della Sera", blog La ventisettesima ora, 25 maggio 2015].

L'articolo italiano fa riferimento a un intervento di Sue Shellenbarger, apparso sul "The Wall Street Journal".

L'articolo americano inizia con la seguente frase:

"It’s natural for parents to react with horror when told their child cheated in school", "È naturale per dei genitori reagire con orrore quando viene loro detto che il figlio ha copiato a scuola" (grassetto nostro).

Si sa che "cheating" ha una connotazione estremamente negativa, ed equivale piuttosto a "imbrogliare", "ingannare fraudolentemente".

Potrebbe non sembrare strano ad alcuni che l'enciclopedia Wikipedia non abbia attualmente nessuna traduzione italiana della voce "Cheating", presente invece nella versione inglese.

Data l'attualità dell'argomento, invitiamo tutti a una riflessione sul problema, con cui la scuola è sempre più costretta a confrontarsi quotidianamente.

Nessun commento: