domenica 12 maggio 2013

BookBlog 2013


Da anni il Salone Internazionale del Libro di Torino rivolge uno sguardo particolare al mondo della scuola e dei ragazzi.

Le iniziative a loro dedicate e a cui sono invitati a partecipare sono raccontate in "BookBlog".


"BookBlog [...] è il giornale online ideato e realizzato dai giovani, su fatti, personaggi, idee ed eventi del Salone Internazionale del Libro di Torino. Sul blog il Salone viene raccontato prima, dopo e durante il suo svolgimento da una redazione giornalistica di studenti fra i 12 e i 18 anni. Ma non solo il Salone: Bookblog è attivo tutto l’anno: qui viene raccontato il Salone nel suo farsi, i progetti realizzati con le scuole e la cronaca di altri importanti eventi letterari". [Fonte]

"BookBlog -si legge in un post che ne riassume la storia- si è rivelato sempre più utile come strumento didattico di promozione della lettura nelle scuole, diventando sempre più un laboratorio virtuale per facilitare lo scambio di idee, contenuti, progetti e saperi sulla lettura."

Ecco alcuni progetti speciali, rivolti agli studenti:

- Potere alla parola! Contro la violenza sulle donne

I ragazzi propongono parole che evocano anche indirettamente il tema della violenza contro le donne, parole che vengono utilizzate e abusate dai mass media, parole che possono costituire degli "antidoti" o delle alternative alla violenza.




- Parole al potere dai ragazzi

L'elenco delle parole inviate dai ragazzi.

- Le immagini al potere

Una raccolta di disegni, foto, immagini, frutto della creatività dei ragazzi, sempre sul tema della violenza alle donne.

- Recensioni di ragazzi

- Adotta uno scrittore

Gli studenti delle scuole superiori del Piemonte "adottano" uno scrittore scelto in una rosa proposta dal salone del libro. L'autore incontra i ragazzi quattro volte: tre tra febbraio e maggio e una quarta durante il Salone.


Ecco l'elenco degli scrittori adottati nel 2013.

- Vocabolario allargato

Anche quest’anno ventidue ragazzi di nove scuole superiori torinesi (dagli istituti professionali ai licei classici) hanno interrogato per tre mesi, sotto la guida dello scrittore Andrea Bajani, il mondo nel quale si trovano a vivere. Hanno coniato dieci parole nuove. Dieci parole che non ci sono ancora nel vocabolario e proprio per questo raccontano tutta l’urgenza espressiva per fissare il presente e il futuro.



Le parole allargate del 2012 hanno dato vita a un progetto fotografico intitolato #tag di Ornella Orlandini.

Una delle fotografie con il linguista Tullio De Mauro

Le dieci parole del 2013 sono invece state ritratte da cinque giovani fotografi e saranno in mostra a Traduzioni Visionarie.

Nessun commento: