mercoledì 27 marzo 2013

Open Parlamento


Ecco come viene presentato il progetto "OpenParlamento":

"La politica è tipicamente il regno delle opinioni e in democrazia tutte le opinioni sono lecite. Ma non tutte sono uguali, alcune si basano sui fatti altre no. 
Democrazia è il libero confronto delle opinioni sui fatti, quando invece confondiamo fatti e opinioni siamo nel regno della propaganda e della demagogia che non portano solitamete buone soluzioni. Né più libertà né più rispetto per le persone. 

openparlamento aiuta a rintracciare i dati di fatto almeno su quello che succede in Parlamento. Propone i dati di fatto, le informazioni di fonte ufficiale in modo che tutti possano usarle e confrontarle con il flusso continuo di notizie e opinioni di norma prive di riferimenti e dei riscontri possibili (a proposito, piccolo suggerimento per i giornalisti: quando parlate di un disegno di legge o di un decreto, prendete la buona abitudine di indicare tra parentesi il titolo e il codice identificativo ufficiali, così chi legge se vuole può anche andarselo a trovare). 

Informazioni accessibili e il più possibile adeguate ai non addetti ai lavori, che vengono messe in rete perché ciascuno ne faccia l'uso che crede ma anche perché possano essere discusse, valutate dibattute. 

I primi strumenti di openparlamento permettono di seguire passo passo le attività del singolo parlamentare, le vicende del disegno di legge o della mozione. Forniscono aggiornamenti nella pagina personale dell'utente o via email su tutto ciò che viene prodotto in Parlamento a proposito di un determinato argomento: dai rifiuti alla scuola, dall'Afghanistan fino al nostro piccolo comune. 

Questo modo ci pare aiuti a dare senso alla rappresentanza degli eletti, perché può contribuire a stabilire relazioni tra rappresentanti e cittadini che siano continue nel tempo e valutabili per quello che viene fatto e votato in Parlamento, non solo per quello che dice la tv. Ci pare un modo più umano e più politico insieme, perché non solo le informazioni divengono accessibili ma si ha anche la possiblità di dire quello che si pensa (commenti e voti) sulla singola proposta, sul singolo voto e decisione che ogni giorno i nostri rappresentanti assumono in Parlamento e che ogni giorno pesano sulla nostra vita.

Vorremmo poi che le persone con interessi comuni potessero comunicare e se ne hanno voglia organizzarsi per sostenere o contrastare le scelte che il Parlamento vuole adottare. Vorremmo che gli interessi che orientano queste scelte potessero confrontarsi alla luce del sole e con strumenti il più possibile paritari. Vorremmo fare queste cose e altre ancora..."

OpenParlamento è un progetto dell'Associazione Openpolis.


L’edizione della piattaforma web Open parlamento con tutti i lavori della XVI legislatura (2008-2013) è ancora disponibile e consultabile online. I dati sono aggiornati al gennaio 2013 e provengono dalle fonti uffciali del Ministero dell’Interno, della Camera e del Senato.

L'Associazione sta lavorando alla nuova edizione di Open parlamento, sulla XVII legislatura, appena avviata. Gli interessati possono lasciare la propria e-mail per essere informati su tutte le iniziative di Openpolis.

Servendosi dei dati dell'Associazione, Repubblica.it ha creato un "Identikit del Parlamento".

Nessun commento: