mercoledì 14 novembre 2012

A casa di Giotti

Guarda il video A casa di Giotti, realizzato da Claudio Sepin.

Il poeta Claudio Grisancich legge quattro poesie del triestino Virgilio Giotti: La strada, La porta serada, La casa, El paradiso. Le immagini, si legge nella didascalia che accompagna il filmato su YouTube, ricordano alcuni tratti della biografia del poeta: via della Pietà, via Lamarmora [Giotti abitava al quinto piano di un edificio al n. 34], i giocattoli di legno, la povertà, la morte dei due figli Franco e Paolo in Russia.



Ecco i testi di tre delle quattro poesie, reperibili online:

La strada

Vardo 'na strada de la mia zità,
che ghe sarò passado mille volte,
e no' me par de averla vista mai.
Le fazzade zalete, le boteghe,
un bar, dei àuti, e el fiatin de viavai.
Come la nostra vita, sì: vissuda,
finida ormai, e mai ben conossuda.

La strada - Guardo una strada della mia città, / da cui sarò passato mille volte, / e non mi par di averla mai veduta. / Le facciate giallicce, le botteghe, / un caffè, le automobili, il viavai. / Come la nostra vita, sì: vissuta, / ormai conchiusa, e mai ben conosciuta.

[fonte della poesia e della versione in italiano: Virgilio Giotti di Dante Maffia]

La casa

Mia casa, messa in alto
come un nido de usei,
co' le man mie e i mii oci
fata, nei ani bei

che i mii fioi cresseva
gavevo atorno, e bela
la mama: mia te son, 
mia, come lori e ela.

Davero mi me sento 
solo con ti, mia casa. 
Co te torno, ogni volta 
i mii oci i te basa.

Te torno come el sposo 
che torna de la sposa, 
che nel su' sol, via i cruzzi, 
beato el se riposa.

Rivo suso, mia casa, 
e 'pena che son drento 
strachezza e mal de gambe 
i sparissi. Me sento

de colpo calai i ani 
e san. Franco sui pìe 
me movo; e giro, e vardo 
le care robe mie;

le carezzo, le indrizzo, 
che ogni toco sia bel; 
vardo fora el mio monte, 
vardo par aria el ziel.

Ch'el par tanto vizin 
fora sul pergoleto, 
tacado, "casa alta", 
ai orli del tu' teto.

Quel ziel, che vien zo in ogi 
no' saete: de pezo. 
Ma mi, anca se tremo, 
resto l'istesso in mezo

de la mia casa, pronto 
de andar 'basso con ela. 
E sarìa par mi, 
forsi, la morte bela.

Mia casa, ma te son 
Ti pròpio vera po'? 
Mia casa squasi vera! 
Un sogno che me go

trovà drento putel 
te son. Ma vera, sì, 
pal mio cuor, pai mii oci, 
che i te vedi cussì.

Fermo 'sto cuor, seradi 
'sti do oci, e anca ti, 
mia, mia casa bela, 
te gavarà finì.

[fonte: blog "Buchi nella sabbia"]

El paradiso

Ne la mia casa son;
e xe 'sta casa quela
de 'desso, e anca la mia
de San Felice bela,

col giardin e quel làvarno
grande, e drio l'ortisel;
e anca quela co' nona
Giudita e mi putel.

E el tempo che xe, bel,
tuti i tempi el xe in uno;
e la stagion no' istà,
no' primavera o utuno

xe, no' inverno, ma una
bela e granda; e de sora
xe el ziel, che un xe e tuti
i ziei, e no' 'l ga ora:

matina xe, e sera,
e xe el bel ciaro giorno.
E mi son qua de passa
mila ani; e go 'torno,

con mi, mia molge giòvine,
e i mii fioi grandi, e anca,
sì, putei; go mia mama
de mi pìcio e po' bianca

cara vècia; e Tandina
puteleta e po' dona,
co' la su' Rina e mia;
e la sèria nona.

E stemo insieme; e tuti
insieme spassegiemo;
e se metemo in tola
e magnemo e bevemo

pulito; e se vardemo
un co' l'altro nel viso;
e in pase se parlemo;
e semo in paradiso.

[fonte: blog "Nuovo ringhio di idefix - Luciano Comida"]

Per un'interpretazione critica, leggi l'articolo di Cristina Benussi, Giotti davanti alla "porta seràda", "il Piccolo", 29 marzo 2004, in cui si recensisce il saggio di Mauro Caselli, La voce bianca. Su Virgilio Giottipubblicato da Campanotto.

Nessun commento: