sabato 28 luglio 2012

Il verbo che non possiamo permetterci

"Il verbo che non possiamo più permetterci oggi è abdicare. Altrimenti, a furia di rinunciare, spegnendo poco per volta quanto riteniamo prezioso e duraturo, un giorno neanche tanto lontano finiremo per abdicare a noi stessi, quando già da un po’ eravamo cianotici e nella solitudine dei nostri appartamenti non ci sentivamo neanche troppo bene."

Così si conclude un interessante articolo di Giuseppe Zucco, pubblicato il 26.7.2012 su "Nazione Indiana", a seguito del precedente, altrettanto appassionato pezzo di Silvia Avallone, apparso sul "Corriere della Sera" il 25.7.2012.

Nessun commento: