mercoledì 9 maggio 2012

Dante e Giangiacomo Poldi Pezzoli

Un articolo di Fabio Giuliani documenta il mito risorgimentale di Dante, a cui non fu estraneo il collezionista Giangiacomo Poldi Pezzoli.

Le illustrazioni che accompagnano l'articolo di "Arte e Arti" riguardano:

* Giuseppe Bertini, L'incontro di Dante e Frate Ilario (1845) [Milano, Accademia di Brera]

* Vincenzo Vela, Busto di Dante Alighieri (1865) [Milano, Galleria d'Arte Moderna] {il modello in gesso (1857) è conservato presso il Museo Vela di Ligornetto in Canton Ticino, paese natale dell'artista; altre copie in bronzo sono conservate presso la Fondazione Cariplo, la Galleria d'Arte Moderna di Torino, il Museo Civico di Correggio, il Museo Revoltella di Trieste; versioni in marmo sono presso la citata Galleria di Torino e il Municipio di Lugano} - decrizione e fonte delle informazioni

* Giuseppe e Pompeo Bertini, Vetrata Honoreficentia hospitalis (1851-1855) [Milano, Museo Poldi Pezzoli] - descrizione

* Giuseppe Bertini e Luigi Scrosati, Studiolo dantesco (1853-1856) [ibidem] - descrizione

Altre opere citate nell'articolo sono:

- Giuseppe Bertini, vetrata Il trionfo di Dante [Milano, Museo Poldi Pezzoli]. La versione esposta a Londra nel 1851 e a Firenze nel 1865 si trova alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano [sala 21]; un'altra copia appartiene al Museo Borgogna di Vercelli

- Eliseo Sala, Pia de' Tolomei (1846) [Brescia, Musei Civici di Arte e Storia] - descrizione

- Eleuterio Pagliano, opere non specificate

- Federico Faruffini, La porta della casa degli Alighieri, Reminiscenze di Firenze (1859) [Pavia, collezione privata]

Nessun commento: