sabato 13 agosto 2011

Tasso e la musica: "Argo non mai, non vide Cipro o Delo"

Leggi l'ottava 29 del canto IV della Gerusalemme liberata:

Argo non mai, non vide Cipro o Delo
d'abito o di beltà forme sì care:
d'auro ha la chioma, ed or dal bianco velo
traluce involta, or discoperta appare.
Così, qualor si rasserena il cielo,
or da candida nube il sol traspare,
or da la nube uscendo i raggi intorno
più chiari spiega e ne raddoppia il giorno.


La donna di cui si tessono le lodi altri non è che la bellissima Armida.

Ascolta le musiche di Sigismondo D'India, nell'interpretazione dell'Ensemble Elyma, diretto da Gabriel Garrido:



Con l'ottava seguente [n. 30 "Fa nove crespe l'aura al crin disciolto"] il brano costituisce uno dei tre cicli dindiani su più stanze del poema [cfr, il bel saggio di Andrea Garavaglia, Sigismondo D'India "drammaturgo", Torino: EDT, 2005, pp. 18-19, in parte disponibile online grazie a Google libri] {Gli altri due cicli sono "Sovente allor" (VII, 19-21) e "Amico, hai vinto" (XII, 66-68)}.

Nessun commento: