giovedì 14 luglio 2011

Il "petrarchismo musicale": "Vago augelletto che cantando vai"

Leggi il testo del sonetto CCCLIII:

Vago augelletto che cantando vai,
over piangendo, il tuo tempo passato,
vedendoti la notte e 'l verno a lato
e 'l dì dopo le spalle e i mesi gai,

se, come i tuoi gravosi affanni sai,
così sapessi il mio simile stato,
verresti in grembo a questo sconsolato
a partir seco i dolorosi guai.

I' non so se le parti sarian pari,
ché quella cui tu piangi è forse in vita,
di ch'a me Morte e 'l ciel son tanto avari;

ma la stagione et l'ora men gradita,
col membrar de' dolci anni et de li amari,
a parlar teco con pietà m'invita.


Ascolta il madrigale di Claudio Monteverdi, inserito nell' VIII Libro dei Madrigali, nella versione del gruppo Concerto Italiano, diretto da Rinaldo Alessandrini:



Monteverdi ha messo in musica le due quartine.

Il sito recmusic.org, più volte segnalato nei post precedenti, cita un altro compositore che si è occupato del medesimo testo poetico: Stefano Rossetti.

Nessun commento: