domenica 24 luglio 2011

Il "petrarchismo musicale": "Datemi pace, o duri miei pensieri"

Leggi il testo del sonetto CCLXXIV:

Datemi pace, o duri miei pensieri:
non basta ben ch'Amor, Fortuna et Morte
mi fanno guerra intorno e 'n su le porte,
senza trovarmi dentro altri guerreri?

Et tu, mio cor, anchor se' pur qual eri,
disleal a me sol, che fere scorte
vai ricettando, et se' fatto consorte
de' miei nemici sì pronti et leggieri?

In te i secreti suoi messaggi Amore,
in te spiega Fortuna ogni sua pompa,
et Morte la memoria di quel colpo

che l'avanzo di me conven che rompa;
in te i vaghi pensier' s'arman d'errore:
perché d'ogni mio mal te solo incolpo.


Un file audio in formato mp3 di un componimento di Antonio Stringari (XVI secolo) è scaricabile dalla pagina dedicata al cd Francesco Petrarca nelle musiche del primo Cinquecento sul sito del Consort Veneto.

Nessun commento: