lunedì 14 marzo 2011

L'Italia unita a scuola


"Le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia -ha dichiarato Giuseppe Laterza- sono un’occasione preziosa per conoscere il nostro passato. E – di conseguenza – saper progettare il nostro futuro. Un’occasione che si può cogliere a certe condizioni. Prima di tutto una forte partecipazione dei cittadini e una discussione pubblica senza pregiudizi né stereotipi, anche oltre e fuori dalle sedi politiche e istituzionali.

La scuola è il luogo dove si è fatta l’unità d’Italia. Anzi, dove si sono fatti gli italiani. È attraverso la scuola che milioni di sudditi degli antichi stati sono divenuti cittadini, uscendo dall’analfabetismo e conquistando così la possibilità e il diritto di una piena partecipazione democratica. Ed è grazie alla scuola che gli italiani hanno imparato a parlare la stessa lingua, riconoscendo una comune identità.

Ecco perché la casa editrice Laterza ha pensato di promuovere nelle scuole e con le scuole tre giornate di riflessione e di festa, di discussione e di condivisione, dal 15 al 17 marzo, giorno della proclamazione del Regno d’Italia. Tre giornate in cui le scuole si apriranno ai cittadini, invitandoli a incontrare studenti e professori. In occasione di lezioni magistrali, seminari, workshop, concerti, mostre, film ed altro sui temi della storia dell’Italia unita. Storici ma anche filosofi ed economisti, sociologi e giuristi, scrittori e giornalisti saranno coinvolti in un confronto aperto con i cittadini, gli insegnanti e soprattutto gli studenti, i veri protagonisti delle tre giornate.
" [dal sito del progetto]

E' per questo che dieci scuole di Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Vicenza hanno aderito all'iniziativa promossa dagli Editori Laterza insieme agli insegnanti, agli studenti, agli autori e agli amici della Casa editrice.

Nessun commento: