domenica 18 aprile 2010

L'Atlante delle colonie italiane


L'Atlante delle colonie italiane e' un volume edito nel 1928 dall'Istituto Geografico De Agostini "sotto gli auspici del Ministero delle Colonie, scritto da Mario Baratta, professore universitario di geografia e Preside della Facolta' di Filosofia e Lettere nella Universita' di Pavia, e dal prof. Luigi Visentin. L'opera verra' rifatta nel 1936 da Achille Dardano e Riccardo Riccardi, e saranno le uniche di questo genere che conoscera' l'Italia coloniale" (note a cura del Prof. Gian Carlo Stella).

Puoi sfogliare il volume grazie ad Alm@-DL, la Biblioteca Digitale dell'Universita' di Bologna.

Il volume presenta: un'introduzione storico-politica; note geografiche sulla Libia, l'Eritrea, la Somalia e le isole italiane dell'Egeo; una serie di tavole politiche e geografiche; un elenco di illustrazioni; note geografiche (suolo, clima, idrografia, vegetazione, popolazione, agricoltura, industria, commercio).

Attivita' didattiche:
* Leggi l'introduzione storico-politica e appunta la tua attenzione sullo stile e sul linguaggio. Es. a p. VII: "Solo quando un alito di vita nuova sembro' vibrare nell'animo specie dei popoli marittimi, l'orizzonte geografico comincio' ad allargarsi. E le nostre citta' marinare con l'audace multiforme loro attivita' commerciale riuscirono a stabilire numerose colonie ed emporii su tutta la costa mediterranea dell'Africa, concordando con i governi che le ospitavano speciali convenzioni..."
* Guarda le tavole dell'atlante
* Guarda le bellissime fotografie per avere un'idea di come apparivano molti di luoghi citati sul manuale di storia

Nessun commento: