sabato 2 maggio 2009

Orlando furioso: canto I - guida all'analisi testuale


It. scritto - L'analisi del testo è una delle tipologie assegnate all'esame di stato. Il candidato si troverà probabilmente di fronte a un testo sconosciuto, tuttavia - se ha appreso un metodo - potrà applicarlo durante la prima prova. In pratica, si tratterà di utilizzare la modalità seguita nel triennio durante le spiegazioni e durante la rielaborazione degli appunti.

It. orale - Uno degli obiettivi dello studio della letteratura italiana nel triennio è padroneggiare il testo anche nei dettagli, collegare punti lontani, fare deduzioni, applicare quanto detto durante la spiegazione della strofa x alla illustrazione della strofa y. La difficoltà, ovviamente, aumenta di fronte a testi ampi e complessi come i capitoli dei Promessi sposi, i canti della Divina Commedia o dell'Orlando furioso. L'insegnante, disponendo di poco tempo, non può ripetere tutte le volte chi sia l'Anonimo, cosa sia una terzina o cosa sia un'ottava. In genere lo dice una sola volta, all'inizio. Si dà per scontato che l'allievo sappia trasferire quanto detto durante la prima ora a proposito delle prime pagine a tutti i testi seguenti sui quali potrebbe essere interrogato.

Lo scopo della presente guida è quello di rielaborare quanto detto dall'insegnante e dal manuale, incasellando le informazioni in uno schema prestabilito, che è poi quello dell'analisi del testo letterario. Il docente e le note hanno spiegato strofa dopo strofa e, alla fine, richiamato sommariamente i dati più significativi. Lo studente deve ora completare lo schema di analisi illustrando nel miglior modo possibile i vari punti.
Se l'allievo ripeterà l'esercizio per tutti i canti del poema che verranno messi in programma, non solo conoscerà bene un capolavoro della letteratura italiana, ma avrà anche acquisito un metodo di analisi e migliorato le proprie capacità espositive.

1. Struttura narrativa

1.1 Suddividi il testo in sequenze ed elabora uno specchietto a due colonne, in cui a fianco dei numeri delle ottave venga riportata la sintesi di quanto illustrato dall'autore nel blocco di testo corrispondente.
1.2 Riassumi la vicenda narrata nel canto I.

2. Narratore/Autore

Ariosto interviene spesso nella narrazione. Individua le varie intromissioni, raggruppale a seconda del tipo ed elabora uno specchietto esplicativo.

3. Personaggi

Illustra ogni personaggio secondo lo schema seguente:
In quali ottave lo troviamo? Chi è? Che rapporto intercorre tra lui/lei e gli altri protagonisti? Come è descritto? Come si comporta? Qual è il giudizio dell'autore?

4. Luoghi

Illustra ogni luogo secondo lo schema seguente:
In quali ottave è descritto? Da quali elementi è caratterizzato? Che rapporto c'è tra luoghi e sequenze?

5. Tempi

In quali tempi si svolge l'azione?
Il periodo storico è descritto in modo attendibile?
Vi sono degli anacronismi?

6. Tematiche

6.1 bellezza. Quale potere esercita sui cavalieri?
6.2 amore. Come è descritto il sentimento che i cavalieri provano per Angelica?
6.3 verginità. Cosa si dice in proposito?
6.4 armi, audaci imprese e valori militari. Come si comportano i cavalieri?
6.5 cortesie. A quali valori si rifanno i personaggi?
6.6 oggetto del desiderio. I personaggi sono alla ricerca di qualcosa? perché?
6.7 fortuna. Che ruolo ha il caso nelle vicende dei personaggi? Quale la volontà dei singoli?
6.8 le donne. Come si comportano le figure femminili?
6.9 i cavalier. Come si comportano le figure maschili? È possibile individuare un'ottica particolare?

7. Aspetti stilistici

Analizza il lessico. Vi sono delle parole-chiave, dei campi semantici, delle ripetizioni significative? Che collagamento è possibile istituire tra lessico e tematiche?
Analizza la morfologia. Si notano elementi significativi?
Analizza la sintassi. Si notano elementi significativi?
Analizza la metrica. Di quante e quali strofe è composto il canto? Qual è lo schema metrico?
Individua ed elenca le varie figure retoriche (metafore, similitudini, iperboli, personificazioni, antitesi, ironia).
Individua a partire dalle note dell'antologia le fonti che Ariosto ha tenuto presenti.

8. Interpretazione

8.1 Storicizzazione

Quali elementi si possono far risalire all'epoca in cui il poema fu scritto?

8.2 Attualizzazione

Che cosa il canto I è in grado di dire a lettore contemporaneo?

8.3. Valorizzazione

Quale giudizio è possibile esprimere sul canto I?

N.B.

- Durante tutte le spiegazioni è necessario che lo studente citi esattamente strofe e/o versi.
Esempio: NON "Rinaldo è figlio di Amone, cugino di Orlando e signore di Montalbano" MA "Rinaldo è figlio di Amone (77,4), cugino di Orlando (16,2) e signore di Montalbano (Linguadoca) (18,5)". In questo modo risulta chiaro al chi legge che lo studente ha effettivamente analizzato il brano e rintracciato le informazioni al suo interno.
Segni convenzionali:
ott. 25 oppure 25 = strofa 25
ott. 25 v. 1 oppure ott. 25,1 oppure 25,1 = primo verso della strofa 25
ott. 25 vv. 2-3 oppure ott. 25, 2-3 oppure 25,2-3 = dal secondo al terzo verso della strofa 25
Una volta adottato un sistema, mantenerlo per tutta l'analisi e NON passare dall'uno all'altro ingenerando confusioni e asimmetrie.

- TUTTE le informazioni necessarie a completare l'analisi sono fornite, ovviamente secondo un ordine differente, durante la spiegazione oppure sono rintracciabili sull'antologia (introduzione, note, conclusione). Sta comunque allo studente di rielaborare le informazioni con le proprie parole.

1 commento:

Anonimo ha detto...

GRAZIE MOLTO UTILIE